LA TENZONE

14 Dic

I suoi occhi sono la paura. Ma la paura si può domare, infrangere, distruggere, o a limite esorcizzare.
Ruota lo spadone davanti al mio volto, bisbiglia parole proibite, invitando al nostro cospetto i signori dei demoni. Io rimango in attesa, impietrito davanti al manifestarsi del potere. Non sono impegnato  a decifrare le mie possibilità di successo. Che io rimanga vivo oppure è assolutamente irrilevante. Invece cerco la connessione con l’intimo, stringo con più forza Devonia, la mia spada, cercando di diventarne parte. Faccio uno strano patto con gli atomi. Mi abbandono al desiderio di diventare tutt’uno…
La creatura multiforme che mi sta davanti continua a sorridere, la sua bocca è un mero strappo sulla faccia, la sua spada rotea in cerchi concentrici, io arretro ma è come se avessi un paio d’occhi sulla nuca. Lentamente percepisco gli atomi che mi circondano, quelli sulla mia epidermide, e quelli che confinano con essa. Non spreco movimenti. Attendo indietreggiando…
Ecco che arriva il primo affondo. Probabile, intuisco e schivo, lui scatta verso l’alto, una mossa astuta, ma riesco ad eluderla, rimango in piedi, l’equilibrio è tutto. Poi ruoto il corpo, provo un a timida stoccata, ma lui è abile, dannatamente abile…
Il gioco diventa una danza nel vento, una reverenza all’universo del piccolo, gli atomi saltellano impazziti, noi ci muoviamo attraverso, e a tratti mi sento la marionetta di un dio perverso, ma va bene anche così.
Reclamo l’errore, perché alla fine è sempre lui che decide. Attendo il piede in fallo. Attendo la mossa azzardata. Attendo il bagliore accecante.
Potremo continuare a danzare all’infinito. Ed è proprio quando il tempo sembra perdere significato che l’errore arriva. Ruoto e colpisco. Decapito il mio nemico con un solo colpo. Gli atomi continuano il loro lavoro. L’universo appare compiaciuto.
Ma è solo l’ennesima conseguenza del fattore tempo. L’inizio e la fine.

Ascoltando “Rosetta Stoned” dei Tool

Annunci

Una Risposta to “LA TENZONE”

Trackbacks/Pingbacks

  1. BILANCI E CONSIGLI DI LETTURA « I Silenti - dicembre 15, 2008

    […] LA TENZONE (Raccontami sulle note di…) […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: