THE BEDLAM IN GOLIATH: QUALCOSA DI TRAVOLGENTE!

25 Gen

themarsvolta1.jpg

Volevo parlare di Goliath, recensirlo come si apprestano a fare centinaia di giornalisti rock. Ma io non sono un giornalista, e questa non è una pagina di recensioni. Vorrei parlarvi di Goliath in un’altra maniera. Descrivervi la luce accecante di questa luna piena, nella fredda notte del nord, il modo in cui mi ipnotizza, mentre mi sparo in testa questo disco. L’attacco di Aberinkulas stordisce, ma poi Cedric ce la canta alla sua maniera con la bellissima Metatron.
L’album fila via, ed è un immersione totale. Al contrario del precedente Amputechture, si percepiscono meno i singoli eventi. Per essere chiari, non c’è un altro delirio stile Tetragrammation. Tutto l’album è una sorta di mood, il mood affascinante e distruttivo della band californiana. Una sicurezza!
Wax Simulacra: in poco piú di due minuti si concentra tutta la straordinaria follia/magia della band. Cavallettas è un vero e proprio vaneggiamento sonoro, con un attacco che ricorda addirittura le sonorità black metal, e si defila poi attraverso i classici ritmi incalzanti di basso. Omar schitarra a destra e a sinistra come un indemoniato. Agadez * è l’appuntamento con l’emozione. Accattivante la linea vocale, a cavallo del solito mood.
La luna mi osserva ed è cosí piena che sembra sul punto di esplodere. La musica è in circolo, tutto va bene! Il viaggio continua fino a toccare momenti indecodificabili, come Soothsayer. C’è sapore di voodoo e altre diavolerie. La tavoletta Ouija ci ha ipnotizzati; non ci rimane altro da fare che sotterrarla, e sperare che la maledizione non ci rimanga attaccata. Il finale è nelle mani di Conjugal Burns. Il sax stride, Cedric urla, Omar stordisce le sei corde, e ci si avvia verso il finale.
Qualcosa di travolgente!

*Il pezzo linkato é dal vivo.

ASCOLTA ANCHE: THE MARS VOLTA ON MYSPACE

Annunci

Una Risposta to “THE BEDLAM IN GOLIATH: QUALCOSA DI TRAVOLGENTE!”

Trackbacks/Pingbacks

  1. 4 ASSURDI WEBEPISODE AI TEMPI DI GOLIATH « The colony of slippermen - settembre 1, 2009

    […] esce ogni mese con un progetto nuovo (vedi qui), giró quattro video per promuovere l’album Bedlam in Goliath, clips che peró non andarono mai in onda perché non soddisfacevano i criteri della casa […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: