IL VINILE? GUARDIAMO AVANTI!

19 Dic

disco.jpg

L’articolo di Ernesto Assante apparso su La Repubblica oggi l’avrei potuto sostenere tre o quattro anni fa, ma oggi le cose sono molto cambiate. Infatti mi sembra una riflessione decisamente datata.
Il ritorno al vinile poteva avere un senso al tempo in cui il CD stava per morire, quindi all’inizio degli anni 2000. Oggi è decisamente troppo tardi per una rivoluzione di questa portata (e comunque una rivoluzione del tutto utopica).
Bisogna guardare avanti e pensare la musica al di fuori del supporto. La colpa è dei discografici, certo. Dovevano avvedersi di quello che sarebbe successo. Ma le leggi dell’economia non sono certo lungimiranti, lo sappiamo bene.
La musica dal vivo è la vera rinascita. Il concerti si moltiplicano, ogni anno nasce un nuovo festival, le grandi band tornano insieme per nuovi incredibili tour. Perché? Perché è il modo piú bello per ascoltare la musica. E soprattutto è piú conveniente per i musicisti.
Alla vecchia maniera, dal produttore al consumatore…
È finita l’era del vinile e del rituale d’ascolto, solitario davanti allo stereo, e presto finirà anche quella dell’Ipod. Perché la musica è come la libertà, è partecipazione.
Basta col vinile, basta col cd e anche con l’mp3.
Torniamo ai concerti, incontriamoci e parliamo di musica insieme.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: